Amministrazione Finanza e Marketing

Immagine anteprima YouTube

VAI A–> Io scelgo, Io studio

Certificato Supplement

Il riordino degli istituti tecnici ha previsto nel settore Economico uno specifico indirizzo amministrazione, finanza e marketing.
L`area amministrazione, finanza e marketing attraversa tutti i settori produttivi: riguarda attività che interessano qualunque organizzazione aziendale.
Sono i diplomi più richiesti dalle imprese: 75.900 assunzioni nel 2009, +1% rispetto all’anno precedente.
Le figure più ambite dal mercato del lavoro sono professionisti di grande apertura mentale, con capacità tecniche e culturali costantemente aggiornate, chiamati a proporre ed attuare soluzioni innovative, in grado non solo di mantenere l`azienda sul mercato, ma anche di migliorarne costantemente la performance.
Le diverse aree aziendali sono sempre più integrate, perciò le persone devono essere disponibili ad assumere nuovi ruoli organizzativi e a gestire nuove tecnologie per una diversa cultura del lavoro.
L`indirizzo amministrazione, finanza e marketing offre una solida base culturale e competenze tecniche per operare nel sistema aziendale, utilizzare gli strumenti per il marketing, gestire prodotti assicurativi e finanziari e lavorare nel settore dell’economia sociale.
Si impara a:
- applicare i principi generali della programmazione e del controllo di gestione
- orientarsi e operare nei mercati finanziari
- operare nel sistema delle rilevazioni aziendali con una visione d`insieme.
Per comunicare con clienti, fornitori, colleghi che operano all’estero bisogna:
- sapere bene l’inglese e una seconda lingua
- conoscere i principi economici e giuridici nazionali, europei e internazionali
- tenersi costantemente aggiornati sulle nuove norme
Ampio spazio all’informatica.

Il diplomato in Amministrazione Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici nazionali ed internazionali, della normativa civilistica e fiscale, dei sistemi e processi aziendali (organizzazione, pianificazione, programmazione, amministrazione, finanza e controllo), degli strumenti di marketing, dei prodotti assicurativo-finanziari e dell’economia sociale. Integra le competenze dell’ambito professionale specifico con quelle linguistiche e informatiche per operare nel sistema informativo dell’azienda e contribuire sia all’innovazione sia al miglioramento organizzativo e tecnologico dell’impresa inserita nel contesto internazionale.

Dopo il primo biennio, le competenze tecniche e professionali si possono ulteriormente caratterizzare e, in alternativa al percorso AFM si sviluppano all’interno dell’Indirizzo stesso due distinte articolazioni:
1) Relazioni internazionali per il marketing
2) Sistemi informativi aziendali

Cambia il mondo del lavoro, cambia la società, cambiano i ragazzi, cambia anche la scuola che si riorganizza con il riordino degli istituti tecnici. A partire dal settembre del 2010 sono presenti due soli settori – economico e tecnologico – per un totale di 11 indirizzi.

Amministrazione, finanza e marketing è un indirizzo del settore economico.
Un ruolo cruciale hanno i laboratori, ma anche gli ambienti di lavoro dove ogni alunno
frequenta stage, tirocini, alternanza scuola-lavoro.
Le ore settimanali saranno meno che nel passato: 32 a settimana, ma si tratta di ore effettive di 60 minuti.
In totale, 1056 ore di scuola all`anno.

Al diploma si arriva in cinque anni: i primi quattro suddivisi in due bienni e un quinto anno finale.
Gli apprendimenti sono articolati in:
- un’area di insegnamento generale, con discipline comuni agli indirizzi del settore
- aree di indirizzo specifiche, per formare le competenze tecniche e operative collegate agli ambiti produttivi.
Nel primo biennio sono assunti come riferimento per le discipline i 4 assi culturali dell’obbligo di istruzione: dei linguaggi, matematico, scientifico-tecnologico, storico-sociale.
L’area comune su quella d’indirizzo: 660 ore sulle 1056 totali.
Nei primi due anni, in tutti gli indirizzi, si studiano: italiano, inglese, storia, matematica, diritto ed economia, scienze della terra, biologia, scienze motorie e sportive, religione cattolica o attività alternative.
Fisica, chimica, geografia, economia aziendale, informatica e seconda lingua comunitaria sono discipline specifiche comuni ai due indirizzi del settore Economico.
Dal terzo anno aumentano le ore dedicate all’acquisizione delle capacità operative collegate a questo settore: economia aziendale, diritto ed economia politica.
Aumenta la quota oraria dell’area di indirizzo: 561 ore su 1056.
Più stage, tirocini, alternanza scuola-lavoro, e un’offerta formativa più flessibile e coerente con le esigenze del territorio e del mondo produttivo.
La scuola si apre alla collaborazione con le realtà esterne e si arricchisce dell’ausilio di esperti.
Grazie all’autonomia, gli istituti tecnici hanno l’opportunità di modificare fino al 20%
dell’orario annuale delle lezioni per realizzare attività e insegnamenti facoltativi.
Dal terzo anno, possono essere introdotti spazi di flessibilità nelle aree di indirizzo (al 30% secondo biennio, 35% quinto anno), articolare eventuali opzioni che consentano di rispondere efficacemente a documentate richieste del territorio e del mondo del lavoro.
Le opzioni saranno inserite in un elenco nazionale, periodicamente aggiornato in base al monitoraggio e alla valutazione dei risultati.
Gli studenti scelgono le opzioni a conclusione del primo biennio.
Nel diploma finale, rilasciato con l’esame di Stato, sono certificate le competenze del profilo generale e quelle acquisite con le opzioni.
Ma perché le famiglie dovrebbero scegliere per i propri figli i percorsi degli istituti tecnici? Molti i vantaggi:
- maggiore probabilità di trovare lavoro e in tempi più brevi
- tassi di occupazione più alti
- remunerazioni più elevate
Per chi sceglie di proseguire gli studi negli istituti tecnici superiori – ITS – o nei corsi universitari coerenti con i diplomi tecnici, si aprono ulteriori prospettive occupazionali.
Secondo i dati Excelsior di Unioncamere, nella “top ten” delle figure più difficili da reperire ci sono gli addetti alla gestione, amministrazione e controllo, al marketing e alla comunicazione, alla consulenza fiscale, ai servizi commerciali. Per ogni uno trovato, e assunto, ne servirebbero tre.

[modificato da: Fuoriclasse Canale Scuola Lavoro - Scheda a cura della redazione]

QUADRI ORARI

Comments are closed.